FANDOM


Biografia

Alethegreat è un'invenzione della massoneria un utente di Pokètown nato nel 42 in Molise, alcuni testimoni affermano di averlo visto in Giappone in una sua fantomatica vacanza, ma l'unica prova della sua reale esistenza è una registrazione di bassa qualità in cui sembra che Alethegreat dica la parola "Kawaii". Altri testimoni invece dicono di avergli sentito dire delle frasi di senso compiuto in uno stretto dialetto siciliano.

Teorie sull'esistenza o non esistenza di Alethegreat

Nel corso del tempo varie teorie sono state formulate, eccovi elencate le più verosimili:

  • Alethegreat è il nipote di Al Capone, questo spiegherebbe il suo accento siciliano e anche il motivo per cui questo fantomatico utente abbia più volte affermato di essere cresciuto negli USA.
  • Alethegreat è un bot programmato da Sua santità con il solo scopo di far impazzire gli utenti a suon di battute squallidissime e rosik profondi e spingerli ad abbandonare la chat per dedicarsi ai concorsi del sito.
  • Alethegreat è una figura mitologica creata dagli stessi utenti.

Caratteristiche

L'esemplare di Alethegreat ha dei denti molto lunghi e affilati che gli permettono di lamentarsi in qualunque tipo di situazione. Ha una spiccata passione per il giapponese, spesso infatti scrive frasi senza senso causando il più delle volte la preoccupazione degli utenti per la sua igiene mentale. Ama fare battute squallide, una leggenda narra che durante la sua infanzia trascorsa negli USA, più precisamente il 10 Settembre 2001, abbia detto una battuta talmente squallida che addirittura fece il giro del mondo fino ad arrivare nel medio-oriente, lì una persona di nome Osama Bin Laden decise in preda alla disperazione di uccidere il piccolo Alethegreat bombardandogli la casa il giorno dopo, ma i suoi sicari sbagliarono e finirono sulle Torri Gemelle.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.